23 dicembre 2009

Cosa resterà? IL MEGLIO DEGLI ANNI ZERO E DEL 2009


Ragione, passione, caso. Le tre e uniche parole possibili per presentarvi le nostre classifiche con i Best of.
Quanto sono stati importanti gli anni Zero? Cosa ci ha dato di rilevante il 2009?
Ecco le nostre risposte inesaustive, irrazionali e fortemente concrete allo stesso tempo (in fondo troverete il Best con gli album più citati nelle classifiche personali).






 ENRICO VERONESE

lista anni zero:

1.THE NOTWIST – Neon Golden (2002)
2 MATT ELLIOTT – Drinking songs (2005)
3.ARCADE FIRE – Funeral (2004)
4.LCD SOUNDSYSTEM – LCD Soundsystem (2005)
5.COCOROSIE – La maison de mon rève (2004)
6.SUFJAN STEVENS – Come on, feel the Illinoise (2005)
7.BATTLES – Mirrored (2007)
8.OKKERVIL RIVER – Black sheep boy (2005)
9.cLOUDDEAD – Ten (2004)
10.TV ON THE RADIO – Dear Science, (2008)
11. GRANDADDY - The sophtware slump (2000)
12. YANN TIERSEN - L'absente (2001)
13. COLLEEN - Everyone alive wants answers (2003)
14. ROYKSOPP - Melody AM (2001)
* 15. THE STROKES - Is this it? (2001)
* 16. LOW - The great destroyer (2005)
* 17. BEIRUT - Gulag Orkestar (2006)
* 18. BOARDS OF CANADA - Geogaddi (2002)
* 19. BAUSTELLE - Sussidiario illustrato della giovinezza (2000)
* 20. SEBASTIEN TELLIER - L'incroyable verité (2001)
e lasciare fuori Virgin Suicides degli Air o qualsiasi cosa degli Spearmint è un guaio...

i 10 del 2009:
1 ANIMAL COLLECTIVE - Merriweather Post Pavilion
2 KILL THE VULTURES - Ecce beast
3 JASON LYTLE - Yours truly, the commuter
4 GOD HELP THE GIRL - s/t
5 JUNIOR BOYS - Begone dull care
6 VIC CHESNUTT - Skitter on take-off
7 CLUES - s/t
8 PHOENIX - Wolfgang Amadeus Phoenix
9 MICACHU & THE SHAPES - Jewellery
10 BOTTIN - Horror disco


MASSIMO DAZIANI

Anni Zero:

Nuove e Semi-Nuove Generazioni Crescono…
Antony and the Johnsons “I'm a bird now” (2004)
Arcade Fire “Funeral” (2004)
Bell Rays “The red, white & black” (2004)
Belle And Sebastian “Lazy Line Painter Jane [EP Box Set]” (2000)
Black Heart Procession “Three”(2000)
Black Keys “Thickfreakness” (2003)
Bonnie "Prince" Billy “Lie down in the light” (2008)
Damien Rice “0” (2003)
Fiery Furnaces “Widow city” (2007)
MGMT “Oracular Spectacular” (2008)
Motorpsycho “Let them eat cake” (2000)
North Mississippi Allstars “Hill Country revue” (2005)
Phoenix “United” (2000)
Radiohead “Amnesiac” (2001)
Scott 4 & Magic Car “European Punks” (2001)
Sigur Ros “Takk…” (2005)
stormandstress “Under thunder and fluorescent light” (2000)
Sufjan Stevens “Illinoise” (2005)
TV On The Radio “Return to cookie mountain” (2006)
Vic Chesnutt “Silver Lake” (2003)
White Stripes “De stijl” (2000)
Wilco “Yankee Hotel Foxtrot” (2002)

2009:
01)Mulatu Astatké & The Heliocentrics “Inspiration Information” (Strut)
02)Dirty Projectors “Bitte Orca” (Domino)
03)Noah And The Whale - “The First Days Of Spring” (Mercury)
04)Vic Chesnutt “At The Cut” (Constellation)
05) Wilco“Wilco (The Album)” (Nonesuch)
06) Malakai “Ugly Side Of Love” (Invada)
07) DM Stith “Heavy Ghost” (Asthmatic Kitty)
08) Roberto Fonseca “Akokan” (Enja)
09) BLK JKS “After Robots” (Secretely Canadian)
10) Great Lake Swimmers “Lost Channels” (Nettwerk)


ELEONORA ZARRONI

Anni Zero, in ordine assolutamente casuale

Radiohead, Kid A (Capitol, 2000)
Sigur Rós, Ágætis Byrjun (Smekkleysa, 2000)
Interpol, Turn On The Bright Lights (Matador, 2002)
Notwist, Neon Golden, (City Slang, 2002)
Baustelle, La moda del lento (Mimo/Venus, 2003)
Arcade Fire, Funeral, (Merge, 2004)
Anthony and The Johnsons, I’m a Bird Now, (Rough Trade, 2005)
Outkast, Speakerboxxx/The Love Below (La Face Arista, 2005)
Tv On The Radio, Return To Cookie Mountain, (4ad, 2006)
Fiery Furnaces, Blueberry Boat (Rough Trade, 2004)
Portishead, Third (Mercury/ Island, 2008)
Joanna Newsom, Ys (Drag City, 2006)
Animal Collective, Strawberry Jam (Domino, 2007)
Cocorosie, La Maison De Mon Reve (Touch&Go, 2004)
Royksopp, Melody A.m. (Astralwerks / Extra Label, 2001)
Beirut, Gulag Orkestar (Ba Da Bing!, 2006)
The Good The Bad & The Queen, The Good The Bad & The Queen, (Parlophone, 2007)
The Strokes, Is This It? (BMG, 2001)
Clap Your Hands Say Yeah, Clap Your Hands Say Yeah (autoprodotto 2005 e poi ripubblicato con Wichita/v2, 2006)
LCD Soundsystem, LCD Soundsystem (DFA Records, 2005)

E questa è la lista per gli album del 2009, più diffcile di quanto pensassi e in ordine casuale:

Rain Machine, Rain Machine
Editors, In This Light And On This Evenening (KitchenWare Records)
Anthony & The Johnsons, I'm a Bird Now (Secretely Canadian)
Micachu, Jewelry (Rough Trade)
Animal Collective, Merryweather Post Pavillion (Domino)
Phoenix, Wolfang Amadeus Phoenix (V2 records)
Royksopp, Junior (Astralwerks)
Dirty Projectors, Bitte Orca (2009)
Pj Harvey and John Parish, A Woman A Man Walked By (Island)
Eels, Hombre Lobo (Vagrant)


MARCO GIOVANNELLI

Dischi Anni 0

1 - Modest Mouse - The Moon & Antarctica (Matador 2000)
2 - Perturbazione - In Circolo (Santeria 2002)
3 - Death Cab For Cutie - The Photo Album (Barsuk 2001)
4 - The Wrens - The Meadowlands (Absolutely Kosher 2003)
5 - The National - Alligator (Beggars Banquet 2005)
6 - Sufjan Stevens - Illinoise (Ashmatic Kitty 2005)
7 - Bright Eyes - Digital Ash In A Digital Urn (Saddle Creek 2005) – I’m Wide Awake, It’s Morning (Saddle Creek 2005)
8 - Beck - Sea Change (Universal 2002)
9 - Sigur Ros - Agaetis Byrjun (Pias 2000)
10 - Arcade Fire - Neon Bible (Merge 2007)
11 - Mgmt – Oracular Spectacular (Sony 2008)
12 - Iron & Wine - The Creek Drank The Cradle (Sub Pop 2002)
13 - Jaga Jazzist - What We Must (Ninja Tune 2005)
14 - Baustelle - La Malavita (Warner 2005)
15 - The Dears - Gang Of Losers (Arts & Crafts 2006)
16 - The Shins – Chutes Too Narrow (Sub Pop 2003)
17 - The Decemberists - Picaresque (Kill Rock Stars 2005)
18 - Stars - Set Yourself On Fire (Arts & Crafts 2005)
19 - Spoon - Gimme Fiction (Merge 2005)
20 - Frightened Rabbit – Midnight Organ Fight (Fat Cat 2008)

Dischi 2009
1 - Mumford And Sons - Sigh No More (Island)
2 - Dente - L’Amore Non è Bello (Ghost Record)
3 - Black Feather - Silhouette (Other Elecricities)
4 - The Antlers - Hospice (Frenchkiss)
5 - We Were Promised Jetpacks - These Four Walls (Fat Cat)
6 - Clues - Clues (Constellation)
7 - Rural Alberta Advantage - Hometowns (Saddle Creek)
8 - Memory Tapes - Seek Magic (Sincerely Yours)
9 - The Dodos - Time to Die (Frenchkiss)
10 - White Lies - To Lose My Life (Polydor)


FABIO POLVANI
(Special guest)

2000-2009

In ordine cronologico
CAT POWER The Covers Record (Matador, 2000)
THE WHITE STRIPES White Blood Cells (Sympathy For the Record Industry, 2001)
McLUSKY Do Dallas (Too Pure, 2002)
THE HUNCHES Yes. No. Shut It. (In The Red, 2002)
BONNIE PRINCE BILLY Master And Everyone (Domino, 2003)
BLACK EYES Cough (Dischord, 2004)
BLACK LIPS We Did Not Know The Forest Spirit Made The Flowers Grow (Bomp, 2004)
COACHWHIPS Bangers Vs. Fuckers (Narnack, 2004)
LIARS They Were Wrong So We Drowned Liars (Mute, 2004)
MISSION OF BURMA ONoffON (Matador, 2004)
PINBACK Summer In Abaddon (Touch&Go, 2004)
OKKERVIL RIVER Black Sheep Boy (Jagjaguwar, 2005)
SUNN O))) Black One (Southern Lord, 2005)
THE DRONES The Miller’s Daughter (Bang, 2005)
VINICIO CAPOSSELA Ovunque proteggi (Warner, 2006)
ERASE ERRATA Night Life (Kill Rock Stars, 2006)
PISSED JEANS Hope For Men (Sub Pop, 2007)
SIGHTINGS Through The Panama (Load, 2007)
VOLT Volt (In The Red, 2007)
WOVEN HAND Ten Stones (Sounds Familyre, 2008)

2009

THEE OH SEES Help (In The Red)
PONTIAK Maker (Thrill Jockey)
HARVESTMAN In A Dark Tongue (Neurot)
IL TEATRO DEGLI ORRORI A Sangue Freddo (La Tempesta)
FINE BEFORE YOU CAME Sfortuna (La Tempesta)
QUEST FOR FIRE Quest For Fire (Tee Pee)
VIVIAN GIRLS Everything Goes Wrong (In The Red)
GERDA Gerda III (Wallace)
THE BLACK HEART PROCESSION Six (Temporary Residence)
GOBLIN COCK Come With Me If You Want To Live! (Robcore)


MARCO GIAPPICHINI

ANNI 00

Alla rinfusa…
The Fiery Furnaces – Bitter Tea (2006)
Battles – Mirrored (2007)
Sufjian Stevens - Come on, feel the Illinoise (2005)
Deerhoof – Friend Opportunity (2007)
Akron/Family – Love is Simple (2007)
Beirut – Gulag Orkestar (2006)
Arcade Fire – Funeral (2004)
Oneida – Each one teach one (2002)
Trans Am – Red Line (2000)
Tv on the radio – Dear Science (2008)
Grizzly Bear – Yellow House (2006)
Animal Collective – Strawberry jam (2007)
Perturbazione – In Circolo (2002)
The strokes – Is this it (2001)
Bugo – dal lofai al ci sei (2002)
Matmos - The Civil War (2003)
Lcd Soundsystem – s/t (2005)
El guapo – Super/system (2002)
Gogol Bordello – Gypsy Punk (2005)
Vinicio Capossela – Ovunque Proteggi (2006)

2009
Hjaltalin – Sleepdrunk Seasons
Rain Machine – s/t
Micachu and the Shapes - Jewellery
Animal Collective – Merriweather Post Pavillon
The Fiery Furnaces – I’m Going Away
Andrew Bird – Noble Beast
Flaming Lips - Embryonic
Noah and the whale – The first days of spring
Dente – L’amore non è bello
DM Stith – Heavy Ghost


FEDERICA BASSINI

MIGLIORI 20 DISCHI DEL DECENNIO

1.RADIOHEAD – KID A – 2000 (EMI)
2.AKRON/FAMILY – LOVE IS SIMPLE- 2007 (YOUNG GOD)
3.VOLCANO! - PAPERWORK- 2008 (LEAF)
4.90 DAY MEN - TO EVERYBODY - 2002 (SOUTHERN)
5.SIGUR ROS - () - 2002 (FAT CAT)
6.PORTISHEAD – THIRD -2008 (MERCURY/ISLAND)
7.MOGWAI -ROCK ACTION-2001 (SOUTHPAW)
8.DEFTONES – WHITE PONY – 2000 (MAVERICK)
9.SETTLEFISH – OH DEAR- 2007 (UNHIP)
10.BROKEN SOCIAL SCENE PRESENT KEVIN DREW – SPIRIT IF...- 2007 (ARTS&CRAFT)
11.IRON AND WINE\CALEXICO – IN THE REINS-2005 (TOUCH AND GO)
12.A PERFECT CIRCLE – 13TH STEPS- 2003 (VIRGIN)
13.FINE BEFORE YOU CAME – SFORTUNA – 2009 (LA TEMPESTA)
14.CAT POWER – YOU ARE FREE - 2003 (MATADOR)
15.THE MARS VOLTA – DE-LOUSED IN THE COMATORIUM- 2003 (UNIVERSAL)
16.MICE PARADE – BEM VINDA VONTADE- 2005 (FAT CAT)
17.COCOROSIE – LA MAISON DE MON REVE - 2004 (TOUCH AND GO)
18.SILVER MT.ZION – 13 BLUES FOR THIRTEEN MOONS - 2008 (CONSTELLATION)
19.LOW – TRUST – 2002 (KRANKY)
20.MALAJUBE - TROMPE L OEIL- 2006 (DARE TO CARE)

MIGLIORI DISCHI DEL 2009
1.FINE BEFORE YOU CAME – SFORTUNA-(LA TEMPESTA)
2.VIC CHESNUTT – AT THE CUT-(CONSTELLATION)
3.IL TEATRO DEGLI ORRORI – A SANGUE FREDDO-(LA TEMPESTA)
4.THE FLAMING LIPS- EMBRYONIC- (WARNER BROS)
5.ONEIDA- RATED O-(JAGJAGUWAR)
6.MUM – SING ALONG TO SONG YOU DON'T KNOW -(MORR)
7.DIRTY PROJECTORS- BITTE ORCA-(DOMINO)
8.FIERY FURNACES- I'M GOING AWAY-(THRILL JOKER)
9.CLUES – CLUES- (CONSTELLATION)
10.DENTE - L'AMORE NON E'BELLO-(GHOST)


SARA LODDO

Album del decennio:

Elliot Smith – Figure 8 (DreamWorks Records, 2000)
Dandy Warhols – Thirteen Tales from Urban Bohemia (Capitol, 2000)
Notwist – Neon Golden (Domino, 2002)
The Shins – Chutes to Narrow (Sub Poo, 2003)
El Guapo – Fake French (Dischord, 2003)
Enon – Hocus Pocus (Touch & Go, 2003)
Devendra Banhart – Rejoicing in the Hands (Young God, 2004)
Cat Power - the Greatest (Matador, 2006)
Battles – Atlas (Warp Records, 2007)
Bon Iver – For Emma, Forever Ago (Jagjaguwar, 2007)
…e altri 10 che li tengo per me.

Album del 2009:
Antony and the Johnsons – The Crying Light (Secretly Canadian)
Air – Love 2 (Emi)
Bat for Lashes – Two Suns (Parlophone)
Black Heart Procession – Six (Temporary Residence)
Dente – L’amore non è bello (Ghost)
Fiery Furnaces – Take me round again (Thrill Jockey)
The XX – xx (Young Turks)
Teatro degli Orrori – A sangue freddo (La tempesta dischi)
Taken by Trees – East of Eden (Rough Trade)
Wilco – (The Album) (Nonesuch)


TOMMASO ONE BARONCELLI
Il meglio del decennio
TV On The Radio - Dear Science (08)
Vinicio Capossela - Ovunque Proteggi (06)
Baustelle - Amen (08)
The Notwist - Neon Golden (02)
MGMT - Oracular Spectacular (07)
Vampire Weekend - Vampire Weekend (08)
Grace Jones - Hurricane (08)
The Knife - Deep Cuts (03)
Le Luci Della Centrale Elettrica - Canzoni Da Spiaggia Deturpata (08)
Offlaga Disco Pax - Socialismo Tascabile (06)
Sigur Ros - () (02)
Grandaddy - The Sophtware Slump (00)
Miss Kittin & The Hacker - First Album (01)
Justice - + (07)
Ariel Pink - Scared Famous (07)
The Swell Season (Glen Hansard & Markèta Irglòva) - The Swell Season (06)
The Postal Service - Give Up (03)
Vitalic - OK Cowboy (05)
Damien Rice - O (03)
Battles - Atlas (07)



Il meglio del 2009
Dirty Projectors - Bitte Orca
Neon Indian - Psychic Chasms
Phoenix - Wolfgang Amadeus Phoenix
Music Go Music - Expressions
The Antlers - Hospice
Dente - L'Amore Non E' Bello
Animal Collective - Merriweather Post Pavillion
The Pains Of Being Pure At Heart - The Pains Of Being Pure At Heart
Gus Gus - 24/7
The Xx - Xx





IL MEGLIO DEL NOSTRO MEGLIO
(il numero è relativo a quante volte appare il disco nelle classifiche personali)

ANNI ZERO
ARCADE FIRE – Funeral (2004) 4
COCOROSIE – LA MAISON DE MON REVE - 2004 (TOUCH AND GO) 3
BEIRUT - Gulag Orkestar (2006) 3
THE STROKES - Is this it? (2001) 3
Lcd Soundsystem – s/t (2005) 3
Sufjian Stevens - Come on, feel the Illinoise (2005) 3
THE NOTWIST – Neon Golden (2002) 3
Animal Collective – Strawberry jam (2007) 2
Anthony and The Johnsons, I’m a Bird Now, (Rough Trade, 2005) 2
BATTLES – Mirrored (2007) 2
OKKERVIL RIVER Black Sheep Boy (Jagjaguwar, 2005) 2
Tv on the radio – Dear Science (2008) 2
TV On The Radio “Return to cookie mountain” (2006) 2
The Fiery Furnaces “Widow city” (2007) 2
Perturbazione - In Circolo (2002) 2
RADIOHEAD – KID A – 2000 (EMI) 2
PORTISHEAD – THIRD -2008 (MERCURY/ISLAND) 2
Vinicio Capossela - Ovunque Proteggi (2006) 2
OKKERVIL RIVER Black Sheep Boy (Jagjaguwar, 2005) 2
ROYKSOPP - Melody AM (2001) 2
Akron/Family – Love is Simple (2007) 2
Anthony and The Johnsons, I’m a Bird Now, (Rough Trade, 2005) 2

2009
DENTE - L'AMORE NON E'BELLO-(GHOST) 4
ANIMAL COLLECTIVE - Merriweather Post Pavilion 3
Clues - Clues (Constellation) 3
Dirty Projectors “Bitte Orca” (Domino) 3
IL TEATRO DEGLI ORRORI A Sangue Freddo (La Tempesta) 3
MICACHU & THE SHAPES - Jewellery 3
Vic Chesnutt “At The Cut” (Constellation) 3
Anthony & The Johnsons, I'm a Bird Now (Secretely Canadian) 2
DM Stith – Heavy Ghost 2
FINE BEFORE YOU CAME Sfortuna (La Tempesta) 2
Noah And The Whale - “The First Days Of Spring” (Mercury) 2
PHOENIX - Wolfgang Amadeus Phoenix 2
Rain Machine – s/t 2
Wilco – (The Album) (Nonesuch) 2

Pop X-mas, volume 2

Swinging Christmas

Frank Sinatra ha spesso bazzicato il genere. In questo suo A Jolly Christmas from Frank Sinatra (Capitol 1957), dimostra la sua consueta e immensa classe, regalandoci qualcosa di più del solito gettone natalizio. E ancora adesso, quando lo sento intonare “Silent Night”, mi scappa la lacrimuccia…VOTO: 28/30. Ed ora siamo arrivati ad uno dei miei X-mas album preferiti. Si tratta di Ella Wishes You A Swinging Christmas (Verve 1960) di una delle cantanti più famose del Jazz: Ella Fitzgerald. La sua versione di “Jingle Bells” è un distillato di puro swing, che emana un’allegra esplosione di energia vitale: a questo punto anche le renne si mettono a ballare… VOTO: 30/30

Soul Christmas

A parte le classiche raccolte della Stax come It's Christmas Time Again uscita nel 1982 e Christmas in Soulsville del 2007, più o meno uguali (VOTO: 27/30), e della Motown come A Motown Christmas del 1973 (VOTO:26/30) e l’esauriente nuovo doppio CD The Ultimate Motown Christmas Collection, uscito nell’ottobre di quest’anno (VOTO: 27/30), vorrei segnalare due meravigliosi album di un grande artista di New Orleans: Aaron Neville. Questi dischi sono così intensi e pieni di feeling da essere godibili al di fuori anche del contesto natalizio. Cominciamo con il primo, Soulful Christmas (A&M 1993). Il tipico falsetto di Aaron sa ridare nuova luce a classici come "O Holy Night," "Silent Night," "O Little Town of Bethlehem", "The Christmas Song" e "White Christmas" cantati con sentimento e sensualità tipicamente soul. Con “Such A Night” e "Louisiana Christmas Day" il ritmo si alza e viene voglia di danzare. VOTO: 30/30. Il buon Aaron ci riprova nel 2005 con Christmas Prayer (Chordant) e dà ancora una volta prova di grande classe. Una meravigliosa “Joy to the World” cantata a cappella con i Blind Boys of Alabama varrebbe da sola l’acquisto dell’album. Ma anche il bluesaccio di “Merry Christmas Baby”, la commovente versione dell’ “Ave Maria” (diventata un pezzo gospel grazie alla sua ugola d’oro), la corale “Amen” e una spettacolare “Amazing Grace” sono momenti indimenticabili di un album ricco di piacevoli sorprese. E poi se dovessi immaginare la voce canterina del mio angelo custode, avrebbe sicuramente quella di Aaron Neville... VOTO:30/30

Arrivederci a Dicembre 2010, per continuare a parlare di quei X-mas album che scaldano i nostri cuori nelle fredde giornate delle feste natalizie.

Buon Natale!!

Massimo Daziani

17 dicembre 2009

..percorsi selvaggi

Real Estate - Real Estate (Lp Woodsist, 2009)

Non fai in tempo a chiudere la valigia con il meglio dei dischi del 2009 che ti tocca riaprirla per adagiarci l’ultimo ritardatario dicembrino di turno. Poco male, il bagaglio si appesantisce ma il viaggio verso in nuovo decennio sarà di certo più gradevole con i Real Estate in saccoccia. Il disco è una gemma di art pop-folk, sofisticata e urgente al tempo stesso, nata da quella cultura musicale americana, principalmente newyorkese (per non dire brooklyiniana stringendo ulteriormente il campo) che si è sviluppata ed è cresciuta negli anni a doppio 0. Semplificando alla grande (non me ne vogliano gli esegeti) stiamo parlando di quella sottocultura musicale underground figlia indubbia della scena NO di fine ‘70, scaturita dall’esplosione dei (post-)rumoristi pionieri della “musica brutta-harsh” di fine ’90 (Black dice, Wolf Eyes, Lighting Bolt,..) che è passata per il (Weird) Folk, il pop (psichedelico) e l’ettronica (noise) (Akron/Family, Gryzzly Bear o Animal Collective, per fare 3 nomi conosciuti), tornata nelle sporcizie Lo-fi e DIY (shit-gazeiane) (Time New Viking, Blank Dogs, Zola Jesus, per citare 3 tra gli autori degli album più belli del genere) per approdare infine in questi lidi surf-pop dove sguazzano i Real Estate (se accomunarli o no con il nascente Hypnagogic pop, questo per ora non ci è dato sapere, solo il tempo…).
Finito il giochino citazionista di sorta, l’ascoltatore più scafato giustamente obbietterà su cosa minchia c’entrano le escrudescenze grandguignolesche dei Black Dice con una canzone calda e colorata come ad esempio Black Lake, contenuta in Real Estate. Niente. E tutto. O meglio, l’approccio è il medesimo, il sentire è comune, il risultato però non coincide. In condivisione c’è (e questo è l'aspetto più interessante della vicenda) un fare di chi vede la musica principalmente come oggetto da creare in una stanzetta per poi esibirlo a pochi eletti, come unica forma necessaria per decostruire l’egemonia culturale dominante. Un’onda lunga (guarda caso) e variegata negli esiti, composta da band che si sono nutrite in primis della stessa arte pittorica (NYMinute a Roma ne era chiaro esempio), dal pop surrealism all’art brut da fanzine; un mondo di anime in pena che ha fagocitato tutte le forme culturali alte e basse della nostra modernità, dal cinema alla stessa musica, diventando sintomo e rivolta di quello che è stato precedentemente creato. Non si cerca in queste latitudini il divismo, l’essere condiviso e accettato. Il tutto può essere fine a se stesso: ma quale è il problema! Puro spirito dada, dissonante e straniante come la società contro cui si vomita ma alla quale ci si rivolge.
Un modo quindi di fare musica onanistico ma con una forte volontà di arrivare almeno a quelle 10 o 12 persone che comprano dischi e partecipano ai concerti (discorso diverso per gente come Animal Collective o Grizzly Bear of course!); è questo un sound che nasce dai cd registrati in casa, da tapes assemblati alla bellemeglio e in tiratura limitatissima, passa per l’obbligatorio myspace di sorta (anche se molti, guarda-un-pò, prediligono non avere nessun legame 2.0) per arrivare in fine all’utente (?) o al nulla.
Vabbè via, dei Real Estate parlerò un’altra volta. O forse ho già detto tutto?!

Voto: 28/30 a Real Estate 30/30 al (non)movimento in generale.

OfO

15 dicembre 2009

Bentornati!!

Os Mutantes
- Haih or Amortecedor
(Anti)


Os Mutantes rappresentano un pezzo di storia del Brasile come della musica in generale.
Il trio originale, costituito da Sérgio Dias, Arnaldo Baptista (fratelli nonostante i nomi) e Rita Lee, invaghito del rock americano e dei suoi simboli come la chitarra elettrica e i jeans, (entrambi troppo innovativi per il Brasile dittatoriale) prendono parte al grande progetto tropicalista dei maestri Gilberto Gil e Caetano Veloso. Inizialmente non sono altro che una delle due band di supporto, insieme ai Beat Boys/Os Bichos, che i due artisti si scambiano nelle esibizioni live per garantire l'ennesiomo schiaffo morale alla tradizione "sambista Joãogilbertiana", poi decidono di continuare da soli e nel 1968 esce il primo omonimo disco.

Questo era l'intro..ma veniamo al presente, tra abbandoni, sciogliementi, reunion, dischi stupendi, dischi scontati, per questo primo album in studio dopo 35 anni di assenza, del gruppo originale resta soltanto Sérgio Dias. Sapendo di essere limitato nel comporre da solo, chiama Tom Zé, tropicalista che collabora alla stesura e offre la voce nella poppeggiante "Anagrama" e anche Jorge Ben, che regala la sua "O careca" nell'intento (fallito) di bissare il successo di "A minha menina", sempre sua.

Con questo disco si tenta di recuperare più le sonorità tropicaliste dei primi album dei Mutanti, ignorando la criticata fase progressiva (che prese campo dopo la dipartita della grande Rita Lee).
"Haih Or Amortecedor" rischia in tutto: va dalla samba al tango, dalle ballate al forrò. A volte pecca in accesso di dettagli e di rumori vari, ma contiene momenti di confusa sperimentazione (oggi come allora!) in "2000 e Agarrum" con la voce stridente e corposa della "nuova Rita" Bia Mendes, nella malinconica ballata dal sapore medio orientale "Baghdad blues"o in “Neurociência do Amor” che viene, con tutta la saudade, direttamente dal 1960.
E' un disco che non raggiunge i picchi di capolavori quali l' omonimo o "A Divina Comédia ou Ando Meio Desligado", è un disco da ascoltare prima di uscire il sabato sera, perché la carica è la stessa di una volta.
La vecchia guardia brasiliana ha ancora voglia di divertirsi..
Nada mudou!!

Fox

27/30

14 dicembre 2009

Mingusology, parte 2


Charles Mingus - PITHECANTHROPUS ERECTUS
(Atlantic 1956)

Nel gennaio del 1956 Mingus registra per l’Atlantic “Pithecanthropus Erectus”, considerato a ragione il suo primo capolavoro. Il brano di apertura dà il titolo al disco e si tratta, come sottolinea lo stesso Mingus nelle note di copertina, “di un poema musicale jazz” diviso in quattro movimenti: (evoluzione, complesso di superiorità, declino, e distruzione). Mingus sottolinea la superbia del primo uomo che, raggiunta la stazione eretta , si sente superiore agli altri esseri viventi ancora proni : “…egli arriva a dominare il mondo,… ma sia la sua incapacità di comprendere l’inevitabile emancipazione di chi aveva tentato di ridurre in schiavitù, sia il suo tentativo di basarsi su una falsa sicurezza, non solo gli negano il diritto di essere un uomo , ma alla fine lo distruggono completamente”. Mingus usa questa metafora per denunciare la discriminazione razziale , tema caro alla sua poetica. Le doti di un compositore ormai maturo ci regalano momenti di grande intensità; nel pezzo ci sono molti dei tratti caratteristici del suo stile: polifonia , dissonanze, passaggi improvvisi di atmosfere , improvvisazioni sia solistiche che collettive sempre piegate alla narrazione. Si tratta di più di 10 minuti di musica emozionante, dove spiccano tutti i solisti: il suono tagliente del sax alto di Jackie McLean, il caldo sax tenore di J. R. Monterose, il piano monkiano di Mal Waldron e ovviamente le movimentate trame ritmiche del contrabbasso di Mingus e della batteria di Willie Jones. Con “A foggy Day” Mingus rilegge un classico di George Gershwin, cercando sempre di “raccontare” il pezzo. L’autore, alla luce di questa estetica musicale descrittiva, inserisce nel brano suoni e rumori tipici del traffico cittadino, riprodotti efficacemente dagli stessi strumenti. “Profile of Jackie” è una dolce ballata impreziosita dal virtuoso solismo di McLean. Chiude il disco la lunga e ammaliante “Love Chant”. Inizio con un ipnotico riff di pianoforte alla Ellington, cui si sovrappone un sax tenore malinconico, poi un improvviso break energico con i due sax che invitano il piano ad una sferzata di swing, poi di nuovo l’atmosfera si fa esotica con il riff iniziale, in un’ ondulazione sonora che movimenta il brano; nella parte centrale si libera un mid tempo swing che permette ai solisti di prendere gli assolo. E’ incredibile come in tutto il disco, ed in particolare in quest’ultimo brano, ci sia un approccio di tipo orchestrale, ottenuto però con un piccolo gruppo: magie del grande Mingus che usava le tecnologie di registrazione, come la sovraincisione, per ottenere effetti orchestrali con un numero ridotto di musicisti. Seminale. VOTO: 28/30 (30/30 a Pithecanthropus Erectus).

Massimo Daziani

10 dicembre 2009

Da 7 a zero in otto anni


Yeah Ghost - Zero 7 (Atlantic Records)

Il duo inglese Zero 7, formato da Henry Binns e Sam, stupisce, ancora una volta in senso negativo, con l’ultimo lavoro “Yeah Ghost”.

Riproporre un album all’altezza di quel gioiello di rara bellezza e eleganza di “Simple Things”, datato 2001, è sicuramente un’impresa difficile, ma almeno provare a creare musica degna delle proprie capacità non è chiedere la luna. Dopo essere stati troppo facilmente etichettati come emuli degli Air, tanta era la ricercatezza nel sound di canzoni come “Give It Away”, “Destiny” e “Polaris”, gli Zero 7 hanno dato prova di aver superato abbondantemente questa definizione.
Nel 2006 il terzo album “Garden” che arrivò vicino a vincere un Grammy Award, segnò la fine della Zero 7 come li avevamo conosciuti. Cominciarono a sperimentare nuove sonorità e a intraprendere nuove strade, ottenendo solo molta confusione e disappunto tra critica e fans.

La prova del nove ce la fornisce questo squallido “Yeah Ghost”, un amalgama incoerente di suoni da dimenticare, assolutamente non rappresentativo delle capacità del duo, convinto che il trip-hop sia un pozzo senza fine di sonorità a cui attingere senza originalità e idee. Il ritmo è un pò accelerato rispetto al passato. Il sound è simile a tanti, troppi artisti e generi musicali. Ricordano ovunque i Basement Jaxx, ammiccano al sofisticato pop di Feist in “Swing” e nella pessima “Medicine Man” si ha l’impressione che Prince canti Mika. Non assomigliano mai a se stessi e non imitano bene nessuno. Questo è un gran difetto, soprattutto se si ricordano ancora come uno dei gruppi più importanti del trip-hop insieme a Air e Massive Attack.

Da agenti 007 sono diventati, come direbbero i pubblicitari dell’Esselunga, Zero Zero Fette.

Voto: 21/30

Eleonora Zeta Zarroni

Giovani scimmiette crescono

Arctic Monkeys
- Humbug (Domino)

Era il 2006, tra urla al miracolo e lacrime di commozione, in mezzo agli americani Strokes, agli scozzesi Franz Ferdinand e ai londinesi Bloc Party, si affacciava l'ennesima "next big thing" ovvero gli Artic Monkeys.
"Whatever People Say I Am, That’s What I’m Not" avrebbe dovuto salvare le sorti di quella musica che trascinava i piedi con una certa fatica grazie al semplice mix di energia, frenesia e ripetitività.
Non era chiedere troppo ad un gruppetto di adolescenti??

All'uscita del secondo "Favourite Worst Nightmare" (dell'anno successivo) ci si rese conto che la band di Sheffield era sicuramente la più capace a far shakerare i culetti nelle dancefloor, con quel disco ancora più veloce del precedente tutto batteria frenetica e riff ripetuti a manetta; ma tutto qui.
Questo fenomeno più mediatico che musicale, ha comunque attirato l'attenzione del guru Josh Homme che li ha fatti rilassare (a modo suo), portandoli lontani dal caos della città, direttamente nel deserto del Mojave a registrare nel leggendario Rancho della Luna.

Così nasce "Humbug", dove gli artici si confrontano con sonorità quasi opposte alle loro abitudini, dalle influenze psichedeliche e ritmi rallentati. Un viaggio macabro all'insegna del retrò, ci riporta ai primi Oasis e si sente più vicino al progetto parallelo del cantante della band (Last shadow Puppets) che agli stessi Arctic Monkeys. Il vecchio Homme influenza la stesura come mostrano le interessanti "Crying Lightning", "Pretty visitors" e la conclusiva "The jeweller's hands", che non brillano in originalità, ma continuano a girare in testa come in repeat.
Nonostante le scimmiette abbiano appena raggiunto i 23 anni, lo potremmo chiamare il disco "della maturità", o per lo meno un decisivo passo in avanti per questo gruppo che ha avuto, fin da subito, troppe aspettative attorno a sé, ma è riuscito a continuare facendo finta di niente.

25\30

Fox

9 dicembre 2009

Mingusology

Charles Mingus - MINGUS AH UM (Columbia 1959)

Premessa 1- Nel 1979 Charles Mingus, uno dei più grandi compositori del jazz e contrabbassista superbo, muore per una sclerosi laterale amiotropica. Dopo trenta anni dalla sua morte la sua influenza sulla musica jazz (e non solo) è ancora enorme. Questa recensione sarà la prima di una serie dedicate ai dischi più significativi del grande artista afroamericano. Minimo omaggio per un musicista immenso.

Premessa 2- Dopo aver amato i classici del rock, sposato la causa del blues e aver avuto un’ intensa passione per la soul music, a partire dagli anni 80 cominciavo ad essere attratto anche dal mondo del jazz. Iniziai a leggere qualche libro per approfondire l’argomento, comprai qualche numero della rivista Musica Jazz con i suoi dischi divulgativi. Ma il campo era così vasto e tra i miei amici rockettari non trovavo buoni alleati. La mia conoscenza del jazz passava per l’ascolto di certo Canterbury (Soft Machine in primis) e della fusion (Weather Report, Mahavishnu Orchestra, Pat Metheny, Al Di Meola, Larry Carlton e lo splendido basso di Jaco Pastorious in Ejira di Joni Mitchell) ; avevo comprato anche qualche disco di classici(Duke Ellington, Louis Armstrong, Wes Montgomery, Ella Fitzgerald) ma ancora non era scattata la scintilla della passione. Nel 1987 divento amico di Mario, ferroviere calabrese, grande appassionato di jazz e proprietario di una bella collezione di vinili. E’ lui (benedetto uomo) che mi presterà molti capolavori del jazz e tra questi un bel disco colorato , dal titolo bizzarro: “Mingus Ah Um”, Anno del Signore 1959…

“Better get it in your soul”, che apre il disco, è un brano stupefacente, summa della musica afroamericana: c’è il gospel, il blues, il r&b e tutto sembra avvenire con una spontaneità incendiaria. In realtà ad un ascolto più attento si percepisce il lavoro di un grande compositore teso a dare la massima espressività al brano. L’energia sprigionata da questa composizione sta tutta nelle urla di incitamento di Mingus ai suoi musicisti e nell’ energia contagiosa di una base ritmica tra le più dinamiche della storia del jazz (Charles Mingus e Dannie Richmond). Non si fa in tempo a riprendersi da questa forte emozione musicale che Mingus ci regala uno dei suoi pezzi più celebri e commoventi, “Goodbye Pork Pie Hat”, dedicato al grande Lester Young. Un blues, come dice lo stesso Mingus, “con accordi diversi dai soliti”, dove, attraverso una melodia struggente, è riprodotta tutta l’intensa emozione per la perdita di uno dei padri del jazz. Meraviglioso e poetico l’assolo al sax tenore di John Handy dalla tenue ispirazione lesteriana. Tocco di genialità compositiva è quel tremolo tra sax e contrabbasso che per un attimo tinge la musica di un fremito di straziante dolore. Con “Boogie Stop Shuffle” si ritorna ai ritmi incendiari del r&b. L’inizio si apre con tutti gli strumenti che suonano una specie di boogie woogie , mentre uno scatenato Richmond tiene un ritmo shuffle . Gli assoli sono tutti brevi e tesi (grande Horace Parlan al piano e adrenalinico Richmond alla batteria). La malinconica poesia ritorna con “Self- Portrait In Three Colors”, una breve e intensa composizione , tipico esempio della grande predisposizione mingusiana alla melodia. “Open Letter To Duke” omaggio sentito ad Ellington, suo indiscusso maestro, comincia travolgente con quasi un minuto di assolo del sax tenore di Booker Ervin, poi tramite un passaggio di batteria si scivola gradualmente verso una dolce ballata; il finale del brano si ravviva d’improvviso con un ritmo latino. Con “Bird Calls” ancora un omaggio ad un grande del Jazz, Charlie Parker. La composizione mingusiana riproduce l’atmosfera energica del bebop , con il sax di Handy d’ispirazione parkeriana e il piano di Horace Parlan che profuma dello stile di Powell. “Fables Of Faubus” è lo sberleffo risentito contro il governatore razzista dell’Arkansas Orval Faubus . Anche qui la capacità compositiva di Mingus è magistrale nel descrivere la tronfia perfidia del personaggio, piegando i solisti alle necessità della narrazione. Con “Pussy Cat Dues” si ritorna al blues con in evidenza il virtuosistico assolo di Jimmy Knepper al trombone. Chiude questo magnifico capolavoro “Jelly Roll”divertito e affettuoso omaggio alla New Orleans di Jelly Roll Morton. Ad onor del vero bisogna ricordare che il disco uscito nel 1959 fu manipolato dalla Columbia con tagli e censure, come nel caso di Fables of Faubus, dove fu eliminato l’accusatorio dialogo-cantato tra Mingus e Richmond. Questo disco però ebbe il merito di far conoscere ad un più vasto pubblico il genio creativo di Mingus e di consacrarlo tra i grandi del jazz. Indispensabile.

VOTO:30/30

Massimo Daziani

8 dicembre 2009

Leggero come zucchero filato


She & Him - Volume One (Merge Records, 2008)

Cantare l’amore. L’amore spensierato e adolescente. Zuccheroso all’inverosimile. L’amore leggero e fuggevole. Ad orologeria.

She & Him arrivano con passo leggero, ti prendono per mano e, prima di riuscire a realizzare cosa sta succedendo attorno, ti ritrovi in un lunapark emozionale. In un luogo artefatto, in cui si sente il profumo dello zucchero filato. Attorno volano infiniti palloncini. E ti ritrovi sopra una ruota panoramica con di fronte paesaggi incantati e stellari. In bocca il gusto delle gelatine colorate.
Sono un duo: alla chitarra Matt Ward, cantautore e chitarrista dell’Oregon – già collaboratore di artisti del calibro di Cat Power, Beth Orton e Bright Eyes – e l’incantevole Zooey Deschanel alla voce, al piano e al banjo.
Zooey, figlia d’arte, è conosciuta per le interpretazioni al cinema più che per le sue doti canore e da musicista. Protagonista, fra le altre cose, di “Guida galattica per autostoppisti” e di “500 days of Summer”. In Italia “500 giorni insieme”: trasposizione cinematografica di una storia sentimentale in cui le solite dinamiche uomo-donna si capovolgono, con un lui romantico e sofferente e una lei fredda e scettica. Nella colonna sonora del film il duo appare con la cover di “Please, please, please let me get what I want” degli Smiths.
Ma ancora prima c’è stato questo “Volume One”, album uscito un anno fa – precisamente nel marzo 2008 – per la Merge Records, indie label del North Carolina, che ha prodotto tanti begli album di artisti come Lou Barlow, Dinosaur Junior e Caribou.
L’esordio di She & Him è un gioiellino indie-pop. Tredici tracce leggere e spensierate, piuttosto semplici, dove alla voce limpida di Zooey si sommano strumenti legati alla tradizione blues e folk americana, come il banjo e la chitarra, più una serie di altri suoni, introdotti da musicisti coinvolti nella registrazione dell’album, fra cui quelli di pedal steel, basso e batteria.
Pare che i due abbiano iniziato a lavorare assieme per caso. Spinti a suonare per i titoli di coda di un film dove la Deschanel aveva una piccola parte, hanno così sviluppato una collaborazione a distanza. E le tracce registrate da Zooey nella solitudine della sua casa, poi rielaborate da Matt, sono confluite in “Volume One”.
Qui, oltre ai pezzi originali, ci sono anche diverse cover, da cui si può comprendere quale sia l’immaginario musicale cui i due tendono ad avvicinarsi. C’è un classico del R&B, “You really got a hold on me” di Smokey Robinson & the Miracles, ci sono i Beatles con “I should have know better” e, per concludere, uno spiritual come “Swing low, sweet Chariot”.
Per il 2010 è previsto il “Volume Two”. Speriamo che gli impegni cinematografici non ne protraggano di troppo l’uscita.

27/30

M.Mae


7 dicembre 2009

Pop X-mas

Dai, non facciamo i cinici punkettari, non mettiamoci il piercing anche al cuore. Ammettiamolo una volta per tutte: il Natale è la festa più bella, quella più sentita, quella che ci fa ricordare l’infanzia e che alla fine passiamo volentieri con le persone che ci stanno più a cuore. E allora da buon musicodipendente ogni anno, per entrare nel clima natalizio, mi tuffo nell’immenso oceano dei Christmas Album. Si tratta di una tradizione tipica del mondo anglosassone, dove musicisti dei più svariati generi si cimentano nella canzone a tema natalizio (vi ricordate lo splendido Lennon di “Happy Christmas- War Is Over”?) o addirittura sfornano un intero album con alcuni inediti e gli immancabili classici. Quest’anno anche lo scorbutico Bob Dylan ha pubblicato un album natalizio (“Christmas In The Heart” – Columbia), con effetti tra il grottesco (“Adeste Fideles”) e l’ispirato (“Silver Bells”). E allora beccatevi questa veloce carrellata dei miei Christmas Album preferiti.

Rock Christmas
Partiamo subito con un pezzo da novanta: Elvis Christmas Album (RCA 1957). Il grande Presley sforna un disco superbo con versioni di “Santa Claus Is Back In Town”, “White Christmas” e “Silent Night” che farebbero venire anche la Befana… VOTO:28/30. I Beach Boys con il loro Christmas Album (Capitol 1964) impreziosiscono il classico repertorio natalizio con gli inconfondibili, perfetti impasti vocali. Natale in spiaggia. VOTO:27/30. Rimanendo tra surfisti e belle ragazze abbronzate, segnaliamo questo The Ventures' Christmas Album (Dolton 1965). I Ventures, grande gruppo di rock strumentale, pubblicano un disco delizioso, dove spicca una versione morriconiana di “White Christmas”. VOTO:28/30. Finiamo in bellezza con la strepitosa raccolta, A Christmas Gift for You, curato da Phil Spector. Vabbene non è proprio rock, è più pop e anche un po’ soul, insomma è lo spettacolare Wall Of Sound pieno di regali. VOTO: 29/30

Continua…

Massimo Daziani

6 dicembre 2009

..poesie

Vic Chesnutt - At The Cut (Constellation).

Dopo l’ottimo “Dark Developments” (Orange Twin 2008) firmato insieme agli Elf Power, il poeta di Athens ritorna a collaborare con Guy Picciotto dei Fugazi e con gli altri musicisti che lo hanno aiutato a produrre lo splendido “North Star Deserter”(Constellation 2007) e fa di nuovo centro. Il disco è di una bellezza malinconica e disarmante. La sua poetica esprime rabbia e dolore che spesso si stemperano in cupa dolcezza. La voce di Vic è ormai lo specchio della sua anima tormentata: acidula, rauca, a volte declamatoria, che si sa lasciare andare anche a momenti melodici. I suoi testi sono profondi, diretti, a volte ironici, a volte toccano il sentimento senza essere sentimentali. I musicisti, provenienti dai Silver Mt. Zion e dai Godspeed You! Black Emperor, lo seguono in maniera esemplare, esaltando al massimo i passaggi di maggior pathos dei brani. E allora fatevi ammaliare da“Coward”, scura ballata arricchita da malinconici archi, lasciatevi conquistare da “Chinaberry Tree” con il meraviglioso ritornello gridato con forza e passione, fatevi incantare dallo struggente falsetto di “We Hovered With Short Wings”, scaldatevi con l’energia elettrica di “Philip Guston”, lasciatevi cullare da dolci ballad come “Flirted With You Al My Life” dedicata alla morte, come l’autobiografica “It Is What It Is” o la commovente “Granny”. Insomma non fatevi sfuggire uno degli album più belli del 2009.

VOTO: 28:30

Massimo Daziani

4 dicembre 2009

Accattatevillo!!!

Clues - Clues
(Constellation Records, 2009)

Questo calderone di melodia , a tratti isterica, è firmato Constellations (Vic Chesnutt, Goodspeed You! Black Emperor, Do Make Say Think) e arriva direttamente dal Canada.
Non lasciamoci ingannare dal fatto che sia un'esordio, si tratta in realtà di musicisti già navigati, membri di diversi bands, diciamo che il fulcro del gruppo è costituito da un magico e inusuale duo: Alden Penner alla chitarra (ex.Unicorns) e Brendan Reed alla batteria (Arcade fire) e scusate se è poco.

Non hanno comunque bisogno di scimmiottare realtà oramai affermate, di idee ne hanno da vendere, senza un indirizzo preciso magari ( c'è del post-punk, pop della miglior qualità e si affacciano alternative folk), ma alla fine ce lo leggono in faccia che ci siamo stufati di etichette e contenitori di "genere" quindi...si mischia tutto!!
Partiamo con "Haarp" dal ritmo spensierato e folle che i Mercury Rev non avrebbero mai avuto il coraggio di pubblicare, poi si passa al pop nervoso di "Remember severed head" e quello incalzante di "Approch the throne".
Imponente la ballata "You have my eyes now" con un crescendo che esplode nella metà perfetta del pezzo che si conclude, da scuola lo-fi, morbidamente. La stessa cosa succede in "Crows" a dimostrare che il caos regna in questo disco soltanto in apparenza, ma, istintivo o programmato è un esordio da non perdere. Stravagante.

28\30

Fox

Andando di fretta

Editors Live @ Teatro Tendastrisce (Roma) 3/12/2009

Non sono mai stato al Tendastrisce, un vero e proprio tendone del circo situato pressappoco in mezzo al nulla: non ci sono case intorno, un albergo ed un centro commerciale poco lontani, vorrei proprio sapere a chi potrebbe dare fastidio la musica alta a "tarda" notte (diciamo l'una?).
L'evento si pregusta succoso, con tre gruppi che ritengo decisamente interessanti in egual misura: Editors, Wintersleep e Maccabees.
Il problema e' che i concerti sono cominciati alle otto e mezza, forse un pò presto, ed essendo arrivato alle nove (il biglietto segna l'inizio dello spettacolo alle nove e trenta e non accenna ad una fantomatica "apertura cancelli", tantomeno ne parla il sito del Tendastrisce), mi perdo, con grandissimo rammarico, i Wintersleep, primi in scaletta.
Per poco non mi lascio sfuggire anche l'inizio dei Maccabees, quindi, birretta veloce e mi getto nel blocco di umido che si sta creando all'interno della Tenda: il quintetto di Brighton da vita ad un show decisamente potente, presentando le canzoni dall'ultimo album wall of arms, non faccio in tempo a pensare "però! non sono male!" che il cantante annuncia l'ultima canzone e fine dei giochi. Avranno suonato una mezz'ora scarsa.
Cambio di palco ed entrano in scena le star della serata, gli Editors, che per fortuna non sembrano aver alcuna fretta. La partenza è da brividi, con la title track di apertura del nuovo album In this light and on this evening, la band di Birmingham suona per più di un'ora e mezzo, spaziando a pieno in tutto il proprio repertorio ed interpretando tutte le canzoni che ci si possa aspettare: i pezzi nuovi (molto Depeche Mode, con massicci apporti di sintetizzatori) si fondono alla perfezione con i vecchi dall'anima più rocckettara. Certo, il cambio di stile avrebbe potuto influenzare l'esecuzione dei brani dei due precedenti album, ma il pericolo è sventato e cavalli di battaglia come bullets o smokers outside the ospital door vengono portati a termine con lo stesso piglio degli esordi.
La cosa che sorprende di più è come dal vivo le canzoni siano riproposte alla perfezione rispetto a come suonino negli album, soprattutto è la voce del frontman Tom Smith che stupisce maggiormente: profonda e calda, ma al contempo potente, mantiene la stessa brillantezza per tutta la durata del concerto e non ha mai neanche un momento di calo.
Insomma, serata riuscita a metà, da un lato gli ormai (inevitabili) problemi di organizzazione che affliggono i concerti romani, dall'altro l'ottimo spettacolo a cui gli Editors hanno dato vita, che oltretutto rafforza una convinzione che ho maturato da un pò: molte volte il successo (se così lo si può definire) fortunatamente non è casuale, specialmente se si riesce ad unire il talento al professionismo nella dimensione concertistica.


Pucho

3 dicembre 2009

Un disco con il quale o senza il quale si rimane tali e quali

Julian Casablancas - Phrazes For The Young (RCA, 2009)



Riascoltando la discografia degli Strokes, band newyorkese chiaccheratissima e super modaiola, si arriverà alla conclusione che solo il primo album, "Is This It?", si sia realmente meritato le attenzioni del mondo intero. I due dischi successivi erano abbastanza ripetiti, banali e assolutamente al di sotto delle aspettative. Ed adesso il debutto come solista del frontman, Julian Casablancas, idolo indiscusso di indie-cucciole di mezzo mondo perché spettinato quanto basta, scheletrico al punto giusto e vestito alternativamente come si deve.

Con "Phrazes For the Young" Julian Casablancas vuol far credere al grande pubblico di mostrare tutto il suo talento senza freni nè compromessi con la band; in effetti l'album può anche spiazzare, se ci si accinge ad ascoltarlo pensando che suoni come uno degli Strokes.
E' ricco di suoni sintetici, tastiere e batterie elettroniche che sostengono la classica voce sghemba di Julian che però manca di incisività ed energia. Sembra confezionato troppo frettolosamente e pubblicato prima ancora che potesse crescere e prendere un forma definitiva.

Le canzoni sono a metà tra il pop e il rock più becero e piacione che ci sia, basti pensare al singolo "11th Dimension", con quel ritornello così eighties, così orecchiabile quanto facilmente dimenticabile. Così fregatura. Per non parlare delle insostenibili "Glass" e "Tourist". Il bel Julian le tenta proprio tutte le strade, dal pop più easy fino ad improbabili e maldestri cenni country (?!?) in "Ludlow Street", punto più basso dell'intero disco, e blues in "4 Chords Of The Apolcaypse".

Il ragazzo non si è applicato abbastanza e ha mostrato tutta la mercanzia troppo in fretta.
Se questi sono i risultati, viene da chiedersi: "Julian, ma chi te lo ha fatto fare?"

Voto: 21/30

Eleonora Zeta Zarroni



Disturbati

Say Anything – Say Anything (RCA Records, 2009)

I Say Anything sono un gruppo pop-punk che nasce nel 2000 a Los Angeles come creatura del poco più che ventenne Max Bemis, dopo la consueta gavetta composta da un paio di ep ed un disco autoprodotti, nel 2004 firmano per la Doghouse Records ed incidono “…is a real boy”, che ottiene immediatamente ottimi riscontri sia di critica che di pubblico.
Inizialmente concepito per essere una rock opera che narra la storia di una band mediocre che giunge improvvisamente al successo, l’album è quasi interamente scritto e suonato da Bemis, di particolare importanza sono i testi che rimandano al disturbo bipolare che affligge il giovane frontman provocandogli ansia, paranoia e depressione.
In seguito pubblicano un album doppio nel 2007 "In defense of the genre", che però non convince del tutto.
Questa quarta ed ultima fatica della band, uscita a novembre di quest’anno, suona sorprendentemente matura e compatta, mantiene ottimi standard dall’inizio alla fine.
Soprattutto spiccano tra tutte l’iniziale “fed to death”, il singolo “hate everyone” e la schizofrenica “Mara and me”.
Un ottimo disco dunque, che esce fuori dai soliti schemi del “punkettino” americano degli ultimi tempi (quello alla Blink 182 per intenderci), principalmente per la capacità del gruppo di farsi influenzare da vari generi (indie, alternative e quant’altro) e che consiglio non solo agli appassionati.
25/30


The Antlers – Hospice (French Kiss, 2009)

Per comprendere gli Antlers bisogna raccontare la storia del newyorkese Peter Silberman. Giunto intorno ai vent’anni, si isola da tutto e tutti in un appartamento di Brooklin iniziando a comporre musica, ne uscirà un anno e mezzo dopo con una manciata di canzoni, tra cui quelle che pubblica sotto il nome di Antlers nel disco "In the attic of the universe" (2007), di ispirazione Sydbarrettiana.
Hospice è il terzo disco di quella che nel frattempo e’ diventata una vera e propria band, nato inizialmente come autoprodotto in seguito e’ stato rimasterizzato e pubblicato dalla French Kiss in agosto.
L’album risulta decisamente più cupo nelle tematiche rispetto al precedente, raccontando la storia di un uomo che vede morire la propria amata di cancro in un ospedale, ed è altrettanto oscuro nella musica e nelle melodie.
L’abilità di Silberman sta nel pescare a piene mani il meglio della musica indie dell’ultimo decennio e riproporlo in maniera originale e complessa, il disco infatti risulta estremamente vario: dal post-rock di "kettering" al singolo dalle derive folk "two" (per citare alcune canzoni),all’inizio può sembrare ostico, ma cresce incredibilmente col passare degli ascolti.
Una menzione particolare deve essere fatta per la traccia numero tre, Sylvia, sicuramente uno dei brani più belli che abbia ascoltato ultimamente.
Gran Disco.
28/30

Pucho

1 dicembre 2009

Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione

BLK JKS - After Robots (Secretely Canadian, 2009).

E’ questa la musica del futuro? La musica che verrà dopo l’era dei robot? La musica che cerca di cancellare le categorie musicali, ma che compie un’operazione culturale molto più profonda del crossover? A tutte queste domande si è tentati di rispondere forse si, ascoltando “After Robots” dei sudafricani BLK JKS. Questa band di Johannesburg (Lindani Buthelezi voce e chitarra solista, Mpumi Mcata chitarra ritmica, Molefi Makananise basso, Tshepang Ramoba voce e batteria) definisce la sua musica come “Rock Dub Psichedelico”. Dietro la definizione di rock c’è l’amore per il metal e l’hard-rock; nascosto tra le pieghe della sigla dub troviamo certamente il reggae che flirta con l’elettronica, ma anche la musica etnica, il funky, il r&b: in definitiva il ritmo che viene dalla madre Africa. Nel definire la loro vicinanza alla psichedelica ci raccontano di una passione per l’improvvisazione, tipica del jazz e del Canterbury. C’è da chiedersi se tutte queste influenze non portino ad un eccesso di eclettismo. Il rischio c’è ma l’energia ,che a tratti si fa rabbia, e la tecnica nervosa dei musicisti riescono a domare la belva sonica di questa musica globale. L’inizio del disco è quasi un manifesto estetico:”Molalatladi” è un pezzo dal ritmo afro-beat che piazza un assolo di chitarra hard-psichedelico. “Banna Ba Modimo” possiede un ritmo da orchestra magrebina con fiati mariachi, mentre il canto e la base ritmica sembrano arrivare da un disco dei Wall Of Voodoo. Con “Standby” i ritmi si rilassano con una ballata canterburiana. “Lakeside”, brano epico con un bel cantato, ci ripropone il loro uso di ritmi sincopati con assolo finale di chitarra. “Taxidermy” è un pezzo hard con profumi spagnoleggianti. Per “Skeleton” ritorniamo alla definizione di rock dub psichedelico: il ritmo dub viene disturbato da iniezioni di hard-rock con chitarra acida. Il finale è affidato alla dolce “Tselane” che in un colpo solo riesce ad unire Ali Farka Tourè e i Tinariwen. Il disco più intrigante di questo 2009.

VOTO: 27/30

Massimo Daziani

30 novembre 2009

Autumn Live

Ho avuto la fortuna di vedere due concerti in due giorni consecutivi; le serate sono andate molto bene. Usando un linguaggio pugilistico posso dire di essere stato stordito dal montante sinistro di Roberto Fonseca e mandato definitivamente al tappeto con un devastante gancio destro sferrato dai meravigliosi Wilco. Ma adesso andiamo a raccontare queste nuove live adventures…

Roberto Fonseca - Roma 12.11.2009 - Auditorium Parco Della musica. Nel programma del Roma Jazz Festival, dedicato quest’anno alle case discografiche Jazz, c’era anche il grande pianista cubano Roberto Fonseca, autore del recente e bellissimo” Akokan”. Sono quindi venuto a Roma con tanto entusiasmo per ascoltare il virtuoso Fonseca e la sua ottima band. Grande è stata la sorpresa quando in cartellone è apparso anche un pianista italiano, tale Livio Minafra che apriva la serata. Alla sorpresa si associava anche una certa preoccupazione perché all’Auditorium gli orari sono piuttosto rigidi (tutto finito prima di mezzanotte). Sinceramente ero venuto per godermi Roberto e non volevo che si sottraesse tempo alla sua esibizione. Purtroppo i miei timori si sono avverati. Infatti la performance del pugliese Minafra si è prolungata per un’ora(!), tra musica espressionista carica di ricordi infantili, influenze della sua terra (l’immancabile prezzemolino della taranta), musica balcanica e tentativi vetero-avanguardistici (mettere oggetti sulle corde del pianoforte non è proprio una novità…). Come avrete capito il concerto non mi è piaciuto e oltretutto ha tolto spazio all’artista cubano. E poi, va bene l’apertura mentale, va bene ragionare di musica senza rigide categorizzazioni, ma che ci azzeccava la musica pseudo-classica del Minafra (un po’ un Allevi dei poveri) con il jazz? Gli organizzatori si sono giustificati spiegando che i due artisti registrano per la stessa casa discografica, la Enja Records… VOTO: 16/30
Per fortuna alla fine è salito sul palco Roberto Fonseca con la sua splendida band e la serata è decisamente decollata. Il concerto si è aperto come il nuovo disco, ovvero con la voce registrata di Mercedes Cortes Alfaro che canta a cappella la breve e intensa “Fragmento De Misa”, poi la band si scatena con una energica “Lo Que Me Hace Vivir” fatta di dolci interventi pianistici e improvvise accelerazioni. Ovviamente l’ultimo CD, “Akokan”, è stato saccheggiato. Particolare menzione per lo spettacolare batterista Ramsés Rodriguez, vera anima percussiva del gruppo. Nel “El Ritmo De Tus Hombros” (con il bravo Javier Zalba al sax baritono) uno scatenato Fonseca è riuscito a coinvolgere anche il pubblico nella sua performance vocale. La caratteristica della musica di Roberto, fatta di soul-jazz e ritmi caraibici, dove magicamente convivono allo stesso tempo allegria e malinconia, è stata esaltata nella performance romana. Su tutto la spettacolare tecnica pianistica di Fonseca, virtuoso che sa valorizzare anche le doti degli altri musicisti della band (Joel Hierrezuelo adrenalinico percussionista, Omar Gonzales preciso bassista). Dunque un’ora e venti di grande musica. Unico rammarico: se fosse durato di più ….. VOTO: 27/30

Wilco - Firenze 13.11.2009 - Teatro Della Pergola. Come in una favola l’orco Jeff Tweedy entra sul palco del meraviglioso e antico teatro fiorentino imbracciando una chitarra acustica e appena accenna le note di “Sunken Treasure” si tramuta in un principe azzurro al comando di un gruppo di strampalati moschettieri. Potrei concludere la recensione dicendo che è stato un concerto fantastico di una band in stato di grazia, dove la perizia tecnica e il feeling sono in perfetto equilibrio, dove ognuno contribuisce a dare il meglio di sé. Ma ovviamente non basta. Difficile descrive l’emozioni di una serata che, appunto, è stata magica. L’impatto sonoro dei Wilco all’inizio ha letteralmente ammutolito il pubblico, che ammaliato ascoltava in religioso silenzio le loro evoluzioni musicali. “Bull Black Nova” era energia pura che si abbatteva su di noi. Ad un certo punto Jeff ha cercato il contatto con gli spettatori anche per scuoterci dal nostro estatico torpore. Ed effettivamente il livello emozionale è aumentato, l’osmosi energetica ha fatto il suo effetto e tutto si è tramutato in una giostra sonica colorata. Commossi ascoltiamo Jeff intonare una superba “Impossibile Germany”, con un assolo fenomenale dell’immenso Nels Cline. Con “Box Full Of Letters”i Wilco ci catapultano nel passato di 15 anni fa, quando tutto ebbe inizio. E poi in coro si canticchia la dolce melodia di “Jesus, ETC.” sollecitati da un insolito e istrionico Tweedy. Dopo ci lasciamo cullare dalla beatlesiana “Theologians” in cui Jeff si fa aiutare al canto da un impeccabile John Stirratt al basso. “Via Chicago” si esalta la valenza percussiva di Glenn Kotche, semplicemente uno dei più grandi batteristi rock in circolazione. Ultimi bis con “Heavy Metal Drummer”, “Hate It Here”, “Walken”, “Monday” e “Outtasite (Outta Mind)”. usciamo felici e frastornati nella inconsueta dolce notte novembrina, consapevoli di aver assistito ad un grande evento. I Wilco adesso: sono loro il Rock. VOTO:30/30

Massimo Daziani

26 novembre 2009

Dà dipendenza, ammazza i tuoi neuroni ed è divertente, cos'è? EMBRYONIC

Embryonic - Flaming Lips (Warner Music, 2009)

"Embryonic" è un disco quasi inaccessibile fino al quinto/sesto ascolto.

I Flaming Lips tornano alla ribalta audaci, con un lavoro anticonvenzionale, rischioso e impopolare, pur senza dover dimostrare un bel niente dopo venticinque anni di carriera strepitosa. Ma i Flaming Lips sono i Flaming Lips e sperimentano come dovrebbe fare (e non fa) una band alla difficile prova del secondo album. Loro di album sono al quattordicesimo e non sembrano affatto a corto di idee.

Sono una band stravagnate e versatile, capace di approdare a nuovi linguaggi musicali sempre credibili. Geniali nell'uso di scenografie alluccinate nei live, raggiunsero l'apice della loro geniale follia nel 1997 con "Zaireeka". Ricordate questo album da ascoltare con le istruzioni per l'uso a portata di mano? Era ed è composto da quattro dischi, ognuno dei quali contente solo alcune delle tracce audio che, essendo perfettamente sovrapponibili, dovrebbero partire nello stesso istante per poter ascoltare l'album nella sua completezza. Dal momento che questo è praticamente impossibile, ogni ascolto risulta diverso dal precedente - a meno che non lo si faccia suonare in quattro, ma la sincronia perfetta non si potrà mai raggiungere - inoltre l'ascoltatore è libero di far partire i cd a suo piacimento, creando combinazioni diverse ogni volta. Come se non bastasse, gli album sono inascoltabili singolarmente perchè contengono tracce con solo sezione ritmica, solo voce e tempi morti estenuanti.

Questa piccola parentesi aiuta a comprendere l'estro creativo dei nostri Flaming Lips e ricorda che, dai tempi di "Zaireeka" ad oggi, "Embryonic" è il disco più complesso che abbiano pubblicato, dopo album bellissimi, ma decisamente più immediati come "Yoshimi Battles The Pink Robot", "The Soft Bullettin" e "At War With The Mystics".
I Flaming Lips stupiscono fin dalle prime tracce "Convinced Of The Hex" e "The Sparrow Looks Up At The Machine" per la cura maniacale degli arrangiamenti che infondono nell'ascoltatore un'irrefrenabile curiosità di continuare a sviscerare l'album, brano dopo brano, per scoprire che è sempre più denso, a volte troppo anche per i fan più affezionati. Bizzarra come al solito la scelta dei titoli "Aquarius Sabotage" (?!?) e la partecipazione, in "I Can Be a Frog", di un'ingenua Karen O (Yeah Yeah Yeah) che imita divertita i suoni degli animali in una conversazione telefonica con Wayne. Puro divertissement.

Riff circolari, arrangiamenti deliranti e psichedelici alla Pink Floyd prima maniera, ritmiche ipnotiche insieme a qualche tocco pop fanno di "Embryonic" un'opera magistrale di psichedelia rock. Un album cupo, paranoico e osessionato.

Attenzione a non abusarne, crea dipendenza.

Voto: 28/30

Eleonora Zeta Zarroni

24 novembre 2009

Un viaggio nell'Italietta pane e salame!

Zen Circus - Andate tutti Affanculo (Unhip Records / La Tempesta Dischi / Infecta Suoni E Affini 2009)

Si riparte da Vent’anni per scoprire all’improvviso di averne una trentina, con la consapevolezza di essere un Vecchio senza esperienza. La penultima canzone contenuta sul precedente Villa Inferno (Unhip Records / Audioglobe 2008) diventa così un sorta di trampolino di lancio per una palingenesi creativa che ritorna in quei luoghi per diventare altro: quadratura del cerchio non è la parola esatta ma la prima che mi viene in mente. Approdo per una band d’esperienza che si scopre ormai matura e pronta per non sottrarsi ai propri obblighi e doveri. Finalmente l’Italia e l’italiano, con i suoi figli di puttana e tutto il resto,… Andate tutti Affanculo l’unico imprescindibile e inesorabile slogan da lanciare verso i posteri in questa italietta sporca e malsana di fine decennio. Un grido lancinante e lapalissiano da rivolgere contro tutti e contro tutto (anche contro se stessi, perché no); rivolto certamente a chi ci ha portato in questo Hic et Nunc che non lascia scampo (It’s Paradise o Gente di Merda) ma anche contro chi non ha fatto nulla per cambiarlo: sostanzialmente quelli che hanno adagiato il proprio culo in questo comodo nulla solamente per pavidità o ignoranza (L’egoista o Ragazza Eroina). Non si salva nessuno allora? No! Nemmeno il Natale! “Siam morti e da vermi ricoperti”. Facciamocene una ragione. E l’ironia allora? C’è, ma serve solamente per cucinare il tutto a fuoco lento, non c’è niente di salvifico in essa. Se c’è uno spiraglio di sole, quello è da cercarlo altrove. Non ora. Non è il momento.
Andate tutti Affanculo sembra quasi un viaggio. Un road-movie molto movimentato attraverso il “Belpaese” su uno scalcagnato Van. Gli Zen trovano nel (cow)punk e nel folk(combat)rock le uniche vie percorribili per raccontarci con urgenza e dovuta perizia (tra il pubblico e il privato) questo nostro crack economico e spirituale d’inizio millennio. Nel cruscotto troveremo attaccati i santini raffiguranti i soliti noti: i Violent Femmes, gli Stones, i Meat Puppets che ci guardano dall’alto e ci proteggono. Sperando di arrivare a destinazione sani e salvi.
Condito da scariche psichedeliche (Andate tutti affanculo), da trahismi di celentaniana memoria (We just wanna leave), umori western (la coda di It’s Paradise), riot grrrl sound (Vuoti a prendere con Nada) e momenti blueseggianti (Amico mio), l’album è approdo e ripartenza di tre ragazzi cresciuti geograficamente con il sarcasmo del Vernacoliere (non me ne vogliano i pisani), con le nere poesie drogate create nelle tavole di Gipi, con il disincanto post-adolescenziale dei primi film di Virzi.
Il Circo Zen è tutto questo e anche di più: tetra e beffarda consapevolezza che nel presente non v’è certezza. Uno Show che dal vivo si palesa in tutta la sua flagranza.

28/30

OfO

23 novembre 2009

Talmente americani che sembrano svedesi

Music Go Music - Expressions (Secretly Canadian, 2009)

Funziona più o meno così: prendi il cd in mano, togli la plastica, apri la custodia e lo inserisci nel lettore. Chiudi gli occhi e appena parte la prima nota per un misterioso sbalzo spazio-temporale ti ritrovi scaraventato a fine anni Settanta in Svezia a un concerto degli Abba. Questo è in sintesi l’album d’esordio dei californiani Music Go Music. A molti potrebbe bastare questo per estrarre immediatamente il cd in questione dal lettore, rimetterlo nella custodia e bestemmiare amabilmente per i soldi spesi (mica avrete fatto i pulciari che ve lo siete scaricato a ufo?). Ma come? Va bene che siamo in periodo di revival spinto, ma addirittura gli Abba no.... Obiezioni legittime, se non fosse per un piccolo particolare di non poca importanza; il disco suona letteralmente da paura, e man mano che si procede con l’ascolto ci si accorge che gli Abba non sono da soli... Impossibile infatti non notare in alcuni passaggi melodici Elton John, gli Electric Light Orchestra (quelli di Confusion e di Last train to London), la Grace Jones del periodo disco, i Blondie e tutta una serie di gruppi che proprio a cavallo tra ’70 e ’80 hanno avuto il loro momento di gloria. Ma allora – direbbe il solito scettico – questi si sono messi a copiare spudoratamente roba altrui? No, non l’hanno fatto... Se infatti è evidente che la loro provenienza è quella, i Music Go Music sono però riusciti a interiorizzare quel bagaglio musicale, attualizzandolo e rendendolo assolutamente personale. L’urlo straziato prolungato per 33 secondi che introduce la prima traccia è già una dichiarazione di intenti; il piedino infatti si inizia a muovere e viene subito voglia di andare a cercare un paio di improbabili pantaloni a zampa di elefante da indossare allo Studio 54, in un tripudio di paillettes e brillantina. Snobismo a parte, c’è da dire che i tre californiani sono semplicemente irresistibili; la cantante Gala ha una voce splendida e traspare chiaramente che si divertono da matti a suonare insieme. “Expressions” è quindi un turbine continuo di rimandi a un periodo ormai lontano, in cui non può evidentemente mancare il momento “da struscio”, con la ballatona conclusiva “Goodbye, Everybody”, perfettamente retrò come lo era appunto il momento del lentone in discoteca.

Voto: 26/30



One

20 novembre 2009

Viene direttamente dagli anni '80 e dividerà critica e fan

Editors - In This Light And On This Evening (Kitchenware Records, 2009)



Il nuovo lavoro “In This Light And On This Evening” stupisce per la svolta elettronica che gli Editors hanno deciso di adottare. Abbandonano pianoforte e riff di chitarre per dedicarsi completamente a tastiere e synth. Sia ben chiaro, non inventano niente di nuovo, la scelta non è originale, si sa che gli anni ’80 sono tornati di moda, però la realizzazione è assolutamente ben riuscita, organica e si allontana dalla cifra stilistica che li aveva precedentemente caratterizzati. I brani non suonano come scopiazzature della gloriosa new wave, ma come creature musicali figlie degli anni Zero e nipoti degli anni ‘80.

Dopo il disco d’esordio “The Back Room”, dai toni cupi e intimisti, gli Editors hanno continuato sulla stessa scia sfornando il secondo album “An End Has A Start”, lavoro un pò banale, da ascoltare allo stadio più che in un club inglese tutto fumo, sudore e birra. E ora il terzo disco in cui gli Editors cambiano pelle: rivestono il sound di elettronica e spostano i punti di riferimento dai Joy Division ai New Order e ai Depeche Mode. La voce di Smith è sempre quella, imponente e evocativa, a volte è porpora, altre nera pece, passando per il grigio e il blu oltremare. Il mood dell’album è in linea con i precedenti lavori, introspettivo, dai toni epicamente celebrativi, sempre ascendente, monumentale e massiccio. Il disco è ben costruito, parte imponente dagli abissi di “In This Light And On This Evening”, va in crescendo con “Papillion” e “You Don’t Know Love” per poi finire con una delicata "Walk The Fleet Road".

Dopo questo disco che spiazza non per le sonorità nuove in assoluto, ma nuove rispetto a quelle a cui gli Editors ci avevano abituato, aspettiamo curiosi di vedere quale altra svolta prenderà la band.

26/30

Eleonora Zeta Zarroni

17 novembre 2009

UN'ALBA POST- ROCK

Giardini di Mirò
live@ Urban Club
(Perugia) 14 Novembre

Ad aprire il concerto ci pensano i Julian-mente, che danno inizio al loro spettacolo "toolleggiante" verso l'una, non convincono, vuoi per la poca originalità, vuoi per l'attitudine da rocker consumato del giovane frontman.
I nostri eroi arrivano un'oretta dopo di fronte ad un corposo pubblico per metà ubriaco e per l'altra assonnato.
Il programma della serata vede la proiezione del film seguito da una seconda parte costituita da vecchi brani riarrangiati per questo tour.
"Il fuoco", ultimo album uscito della band, è infatti la sonorizzazione dell'omonimo film, proposta che nasce dal Museo Nazionale del cinema che per la seconda volta offre ad un gruppo la possibilità di musicare un vecchio film (era già successo ai Marlene Kuntz con Signorina Else di Paul Czinner). Si tratta di un melodramma muto del 1915, recentemente restaurato, frutto della collaborazione tra Giovanni Pastrone e Gabriele D’Annunzio ed interpretato da due divi dell’epoca Pina Menichelli e Febo Mari.
La pellicola è divisa in tre parti e tratta la storia di un pittore che dopo aver incontrato un’aristocratica poetessa ne diviene ossessionato, non riuscendo neanche più a dipingere (La Favilla). Lei lo asseconda invitandolo a lasciare la sua casa per vivere insieme giorni di intensa passione e di ritrovata ispirazione (La Vampa). La giovane infine lo abbandonerà per tornare dal marito, questo rende completamente pazzo lo sfortunato pittore (La Cenere).

Inizialmente musica ed immagini sono binari lontani, procedono si nella stessa direzione, ma sempre a distanza di sicurezza.
Poi qualcosa cambia, la chitarra di Nuccini che insiste, Donadello che sfrega l'archetto sul piatto ad aumentare il phatos, tromba, basi elettroniche e la seconda chitarra (Reverberi) che entra violenta come l’incedere della pazzia...e lo scorrere della pellicola e delle note finiscono per creare un nuovo e unico corpo.

I brani che chiudono il live sono pezzi selezionati e riarrangiati dal gruppo, ma l'intento di rendere il tutto più omogeneo e vicino alle sonorità della colonna sonora mette in disparte episodi più incalzanti, ben riusciti alla nascita (il precedente "Dividing Opnions" quasi prendeva distanza da certi suoni oramai stra-sentiti).
I Giardini di Mirò con il loro potente muro sonoro, che li accompagna oramai da dieci anni, riescono ancora a trovare nuove soluzioni (quando musicali, quando visive come in questo spettacolo) in un panorama post attaccato ad una serie di stereotipi che non si decidono ad abbandonarlo.

Fox